Alla cantina Brunella i giornalisti di Progetto Vino 2017

Alla cantina Brunella i giornalisti di Progetto Vino 2017

progetto vino 2017 - boroli

Musica, letteratura, cinema. Ma anche degustazioni, incontri e dibattiti sul vino. Tutto questo e molto di più è accaduto a Collisioni 2017, il festival agri-rock che da ormai nove anni si tiene a Barolo e che coinvolge centinaia di migliaia di appassionati portandoli a scoprire il fascino e il gusto delle Langhe.

Durante i tre giorni del festival si è svolto il Progetto Vino, nato sei anni fa dalla volontà di Ian d’Agata con l’obbiettivo di far conoscere a sommelier ed esperti internazionali i grandi vini del Piemonte e delle regioni italiane coinvolte nel progetto.

Anche Boroli ha fatto parte del progetto e martedì 18 luglio 2017 ha avuto il piacere di accogliere una ventina di giornalisti ed esperti. Insieme a loro ci siamo recati prima a Castiglione Falletto, alla Cantina Brunella, dove abbiamo avuto l’opportunità di “presentarci” e condividere tutti i nostri nuovi progetti e finalmente degustare insieme la nostra grande riscoperta, il nostro monopolio, il Barolo Brunella 2013.

 

Progetto vino 2017 - boroli

 

Ci siamo spostati poi a Madonna di Como, alla Locanda del Pilone, dove abbiamo assaporato, di fronte ad una meravigliosa vista sulle Langhe, i piatti dello chef  stellato Federico Gallo: tonno di coniglio con friggitelli, limone, olive taggiasche e crema di aglio dolce; filetto di Fassona piemontese in crosta di nocciole, patate e olandese fredda alla senape; ricotta e pere e la piccola pasticceria. Ogni piatto era accompagnato dai nostri vini, in ordine, sono stati serviti: Barolo Cerequio 2013, Barolo Brunella 2013, Barolo Villero 2013 e Chardonnay Bel Amì 2014.

Una grazie a tutti i nostri ospiti: Laura DePasquale, Burtschy Bernard, Anna Baranova, Chan Wai Xin, Vanessa Green, Eric Guido, Kirk Peterson, Revchuk Snezhana , Sagala Richard, Sanz Ramiro Ruben, Paterlini Gianpaolo, Vandenberg Elise, Oliveros Arlene, Spillane Margaret, Preece Hugh, Davis Mitchell, de Vazeilles Alexandra e Lettieri Rocco.

E, naturalmente, un ringraziamento speciale a Ian d’Agata che permette a noi produttori di presentare e valorizzare le nostre eccellenze nel mondo.