Barolo Villero 2006

Il Barolo Villero 2006 è una testimonianza di eleganza e complessità enologica. Questo vino, prodotto nella prestigiosa regione delle Langhe, con il suo colore rubino intenso, regala un bouquet di aromi complessi e ben strutturati.

Denominazione

Barolo Docg Villero

Ciclo vegetativo

L’andamento climatico altalenante ha influito sul ciclo vegetativo delle viti, portando a fasi di sviluppo rapido seguite da momenti di relativa stasi.

Nel caso del Nebbiolo, coloro che hanno pazientemente atteso il momento ottimale per la vendemmia nel 2006 sono stati gratificati con uve sane e di eccezionale qualità per un ottimo Barolo Villero 2006.

Andamento climatico

Gennaio ha caratterizzato l’inizio dell’anno 2006 con condizioni climatiche fredde, con temperature che hanno toccato persino -10°C. Tra il 26 e il 28 del mese, una copiosa nevicata ha imbiancato il paesaggio con uno spesso strato di neve di 50 cm, seguita da abbondanti piogge. Quindi, l’inverno di quell’anno è stato prolungato e caratterizzato da un freddo intenso.
Solo ad aprile il clima ha iniziato a mostrare segni di primavera. Maggio è stato un mese caratterizzato da cambiamenti frequenti, mentre giugno ha cominciato con temperature fresche per poi diventare estremamente caldo. La siccità e un caldo rovente hanno persistito fino a luglio, ma ad agosto le temperature sono scese a causa delle correnti fredde provenienti dall’Atlantico settentrionale, per poi ritornare alla norma verso la fine del mese.
La prima pioggia autunnale è stata registrata a metà settembre, seguita da ulteriori precipitazioni, che fortunatamente non hanno danneggiato le uve del Barolo Villero 2006, poiché il terreno ha facilmente assorbito l’acqua.

2006

Barolo Villero 2006

2006

Denominazione

Barolo Docg Villero

Ciclo vegetativo

L’andamento climatico altalenante ha influito sul ciclo vegetativo delle viti, portando a fasi di sviluppo rapido seguite da momenti di relativa stasi.

Nel caso del Nebbiolo, coloro che hanno pazientemente atteso il momento ottimale per la vendemmia nel 2006 sono stati gratificati con uve sane e di eccezionale qualità per un ottimo Barolo Villero 2006.

Andamento climatico

Gennaio ha caratterizzato l’inizio dell’anno 2006 con condizioni climatiche fredde, con temperature che hanno toccato persino -10°C. Tra il 26 e il 28 del mese, una copiosa nevicata ha imbiancato il paesaggio con uno spesso strato di neve di 50 cm, seguita da abbondanti piogge. Quindi, l’inverno di quell’anno è stato prolungato e caratterizzato da un freddo intenso.
Solo ad aprile il clima ha iniziato a mostrare segni di primavera. Maggio è stato un mese caratterizzato da cambiamenti frequenti, mentre giugno ha cominciato con temperature fresche per poi diventare estremamente caldo. La siccità e un caldo rovente hanno persistito fino a luglio, ma ad agosto le temperature sono scese a causa delle correnti fredde provenienti dall’Atlantico settentrionale, per poi ritornare alla norma verso la fine del mese.
La prima pioggia autunnale è stata registrata a metà settembre, seguita da ulteriori precipitazioni, che fortunatamente non hanno danneggiato le uve del Barolo Villero 2006, poiché il terreno ha facilmente assorbito l’acqua.

-
Piovosità
+
-
Temperatura
+
dal 11 al 21 Ottobre
Data vendemmia
specifica
Ottima
Qualità annata
Prodotte con passione:

4862 pz

200 pz

50 pz

5 pz

Le nostre bottiglie riflettono una struttura ben definita, arricchita da aromi olfattivi intricati e persistenti.
ACHILLE BOROLI

Premi

2006

VISITA LA
CANTINA

Le cantine Boroli, situate a Castiglione Falletto, sono il posto perfetto per immergersi nel magico territorio delle Langhe con percorsi di degustazione e vivere un’esperienza indimenticabile all’insegna della scoperta e del buon vino.