Barolo Cerequio 2006

Il Barolo Cerequio 2006 è come una sinfonia composta dai vigneti delle Langhe, una melodia di eleganza e raffinatezza. Questo vino è una degustazione indimenticabile, un viaggio nei sapori e nei profumi dell’Italia.

Denominazione

Barolo Docg Cerequio

Ciclo vegetativo

A causa delle variazioni climatiche irregolari, il ciclo vegetativo delle piante ha attraversato fasi di crescita accelerata alternate a periodi di apparente stabilità.

Per quanto riguarda il Nebbiolo, coloro che hanno dimostrato pazienza nell’attesa del momento ideale per la vendemmia nel 2006 sono stati ricompensati con uve in condizioni impeccabili e di straordinaria qualità per un ottimo Barolo Cerequio 2006.

Andamento climatico

Nel mese di gennaio, si è verificato un andamento climatico particolarmente rigido, con temperature che hanno raggiunto picchi di -10°C. Tra il 26 e il 28 del mese, una generosa nevicata ha imbiancato il paesaggio (50 cm di neve), seguita da piogge abbondanti. Di conseguenza, l’inverno del 2006 è stato prolungato e caratterizzato da un freddo intenso.
Solo ad aprile il clima ha finalmente assunto un carattere primaverile. Maggio 2006 è stato un mese piuttosto variabile, mentre giugno ha iniziato con temperature fredde per poi diventare molto caldo. La siccità e un caldo torrido hanno persistito durante il mese di luglio, ma ad agosto le temperature sono scese a causa dell’arrivo di correnti fredde atlantiche settentrionali, per poi tornare alla normalità verso la fine del mese.
La prima pioggia autunnale è stata registrata a metà settembre, seguita da ulteriori precipitazioni, che fortunatamente non hanno causato danni alle uve del Barolo Cerequio 2006poiché il terreno ha assorbito l’acqua.

2006

Barolo Cerequio 2006

2006

Denominazione

Barolo Docg Cerequio

Ciclo vegetativo

A causa delle variazioni climatiche irregolari, il ciclo vegetativo delle piante ha attraversato fasi di crescita accelerata alternate a periodi di apparente stabilità.

Per quanto riguarda il Nebbiolo, coloro che hanno dimostrato pazienza nell’attesa del momento ideale per la vendemmia nel 2006 sono stati ricompensati con uve in condizioni impeccabili e di straordinaria qualità per un ottimo Barolo Cerequio 2006.

Andamento climatico

Nel mese di gennaio, si è verificato un andamento climatico particolarmente rigido, con temperature che hanno raggiunto picchi di -10°C. Tra il 26 e il 28 del mese, una generosa nevicata ha imbiancato il paesaggio (50 cm di neve), seguita da piogge abbondanti. Di conseguenza, l’inverno del 2006 è stato prolungato e caratterizzato da un freddo intenso.
Solo ad aprile il clima ha finalmente assunto un carattere primaverile. Maggio 2006 è stato un mese piuttosto variabile, mentre giugno ha iniziato con temperature fredde per poi diventare molto caldo. La siccità e un caldo torrido hanno persistito durante il mese di luglio, ma ad agosto le temperature sono scese a causa dell’arrivo di correnti fredde atlantiche settentrionali, per poi tornare alla normalità verso la fine del mese.
La prima pioggia autunnale è stata registrata a metà settembre, seguita da ulteriori precipitazioni, che fortunatamente non hanno causato danni alle uve del Barolo Cerequio 2006poiché il terreno ha assorbito l’acqua.

-
Piovosità
+
-
Temperatura
+
dal 11 al 21 Ottobre
Data vendemmia
specifica
Ottima
Qualità annata
Prodotte con passione:

4862 pz

200 pz

50 pz

5 pz

I nostri vini incarnano una solida struttura che si sposa con profumi complessi e persistenti.
ACHILLE BOROLI

Premi

2006

VISITA LA
CANTINA

Le cantine Boroli, situate a Castiglione Falletto, sono il posto perfetto per immergersi nel magico territorio delle Langhe con percorsi di degustazione e vivere un’esperienza indimenticabile all’insegna della scoperta e del buon vino.